Dieta Plank: 9 Kg in Meno di 2 Settimane

La dieta Plank è un nuovo regime dietetico che fa perdere peso velocemente, chi ha provato questa dieta conferma di aver avuto un importante perdita di peso (circa 6-9 kg in due settimane).

dieta Plank

Una premessa fondamentale prima di iniziare la dieta è stare in buona salute e chiedere consiglio al medico se siete indecisi o se avete qualche problema di salute.

I risultati sono certi, ovviamente non tutti arriveranno a perdere 9 kg in due settimane, c’è chi ne perde solo 5 o 6 o chi ne perde addirittura 10, dipende ovviamente da come seguirete la dieta e dall’attività fisica che svolgerete.

I primi giorni della dieta sono molto ferrei e si basano prevalentemente su proteine e fibre e poco su altri alimenti.

Per ottenere i risultati sperati dovete seguire alla lettera la dieta, quindi se si parla di uovo sodo dovete mangiare uova sode e non uova fritte o frittata.

I condimenti sono condimenti a crudo, quindi se parliamo di spinaci ovviamente non potete ripassarli in padelle ma dovete condirli solo con olio extra vergine di oliva a crudo e limone.

Lo zucchero ovviamente è bandito dalla dieta, al suo posto potete utilizzare il miele o la stevia.

 

Menù settimanale della dieta Plank

Lunedi

Colazione: caffè senza zucchero;
Pranzo: due uova sode e spinaci bolliti (conditi con olio a crudo e limone);
Cena: una bistecca alla griglia (manzo), come contorno insalata.

 

Martedi

Colazione: caffè senza zucchero e due fette biscottate integrali;
Pranzo: una bistecca alla griglia, insalata e frutta (a scelta);
Cena: prosciutto cotto nella quantità desiderata.

 

Mercoledi

Colazione: caffè senza zucchero e due biscotti integrali;
Pranzo: due uova sode, insalata e pomodori;
Cena: prosciutto cotto e insalata.

 

Giovedi

Colazione: caffè senza zucchero e due fette biscottate integrali;
Pranzo: un uovo sodo, carote crude 50 g di formaggio svizzero;
Cena: frutta (a scelta) e yogurt magro.

 

Venerdi

Colazione: caffè senza zucchero, frutta fresca;
Pranzo: pesce al vapore e pomodori;
Cena: una bistecca con insalata.

 

Sabato

Colazione: caffè senza zucchero e due biscotti integrali;
Pranzo: pollo alla griglia;
Cena: due uova sode e carote.

 

Domenica

Colazione: tè con succo di limone;
Pranzo: una bistecca alla griglia, frutta;
Cena: pasto a piacere.

Questa dieta può essere ripetuta per un’altra settimana, cercate di abbinare 30 minuti di attività fisica (possibilmente la corsa) se non potete, cercate almeno di camminare e fare spesso scale.

Se durante la giornata avete fame e non riuscite a resistere potete mangiare la frutta, mele, pere,kiwi o una spremuta di arancia, oppure potete fare una tisana che vi aiuterà ancora di più a sgonfiare. Ve ne elenco qualcuna:

  1. Bevi Questa Tisana Prima di Andare a Letto e Perdi 5 Kg in un Mese
  2. L’Infuso che Sgonfia l’Intestino e Rende il Ventre Piatto
  3. Tisana a Base di Erbe che Brucia il Grasso sull’Addome

 

Mantenimento

Teoricamente potete iniziare a mangiare tranquillamente ma per non vanificare gli sforzi compiuti vi consigliamo comunque di seguire una dieta sana ed equilibrata, ecco alcuni consigli:

  • Bevete molta acqua (almeno 2 litri al giorno)
  • Limitate alcolici
  • Consumate verdura cruda o cotta
  • Mangiate frutta lontano dai pasti e non dopo il pasto, ecco perché:
  • Legumi almeno 2 volte a settimana
  • Limitate lo zucchero, (se vuoi sapere cosa succede al tuo corpo se smetti di assumere zucchero, leggi qui)
  • Carne rossa una o due volte a settimana
  • Fate sport
  • Applicate tutti i giorni una buona crema idratante sulla pelle di tutto il corpo

fonte

Dolori articolari: rimedi naturali

fonte

Capelli grassi: rimedi naturali

capelli grassi

I capelli grassi sono molto comuni, sia nelle donne che negli uomini. Sono caratterizzati da una radice molto oleosa e una lunghezza in genere secca. Per tenere sotto controllo questo fastidioso problema, esistono dei rimedi naturali molto efficaci. Vediamolo in questo articolo.

Rimedi naturali

Vediamo quali sono i rimedi naturali più efficaci per combattere i capelli grassi:

Aceto bianco

I capelli grassi possono essere la conseguenza di una particolare predisposizione genetica, di una dieta sbagliata o dell’utilizzo dei prodotti sbagliati. E’ possibile tenere sotto controllo l’eccesso di sebo della cute mettendo in atto dei precisi accorgimenti. Quando lavi i capelli, alla dose abituale di shampoo, aggiungi uno o due cucchiai di aceto bianco, che avrai cura di miscelare bene. Insapona i capelli frizionando leggermente e lascia in posa per 15-20 minuti, quindi risciacqua con abbondante acqua tiepida. Continua il trattamento per un mese e noterai da subito i primi risultati.

Lo shampoo giusto

I capelli grassi hanno comunque bisogno di una idratazione ottimale. Fai quindi attenzione alla scelta del prodotto giusto. Orientati su shampoo e balsamo neutro, in grado di lavare ed idratare i capelli in maniera naturale e di non appesantire le radici. Ottima anche la scelta di una formulazione minerale, meglio se arricchita da acqua termale. Prova i diversi prodotti fino a quando non avrai trovato quello giusto per i tuoi capelli. Assicurati che i prodotti non contengano siliconi e che abbiano un PH inferiore a 5.5. Lava i capelli una volta ogni due giorni. Lavarli quotidianamente è dannoso, perché rischieresti di eliminare il naturale film idrolipidico necessario per proteggere la cute.

Bicarbonato

Il bicarbonato è un prodotto polifunzionale, che serve anche ad assorbire l’eccesso di sebo. Puoi utilizzarlo in questo modo: una volta ogni 15 giorni, metti una piccola quantità di polvere di bicarbonato sulle zone particolarmente unte del cuoio capelluto. Fai agire per 10 minuti, poi spazzola bene i capelli. Sentirai un sollievo immediato e sparirà anche il fastidioso prurito.

Alimentazione

Fai attenzione a tutto ciò che mangi. Evita cibi grassi e ricchi di oli, come i salumi, gli insaccati, le salse e i fritti. Sarebbe meglio evitare anche gli alimenti potenzialmente irritanti, tra cui le spezie, il peperoncino, gli alcolici e il cioccolato. Privilegia i latticini freschi, le fibre integrali e molta frutta e verdura. Ricordati di bere almeno due litri di acqua al giorno, per favorire la naturale eliminazione delle tossine.

Limone

Un altro metodo molto efficace per ridurre l’eccesso di sebo nei capelli è il lavaggio con acqua e limone. Prepara questo shampoo naturale in questo modo: spremi due limoni ben maturi e non trattati, quindi metti da parte il succo. In una bacinella non metallica aggiungi una noce di shampoo neutro, due o tre gocce di olio essenziale di acido citrico e il succo dei due limoni. Lava i capelli con questa soluzione. Prima del risciacquo, fai agire per 5 o 10 minuti, in modo che gli ingredienti possano penetrare più in profondità. Se necessario, ripeti il lavaggio. Utilizza questo metodo una volta ogni 15 giorni. Oltre a ridurre l’eccesso di sebo, il limone è un rimedio miracoloso anche per la lucentezza dei capelli.

Sidro di mele

Puoi effettuare il lavaggio dei capelli grassi con il prezioso sidro di mele, che si trova nelle erboristerie o nei supermercati ben forniti. Non devi fare altro che miscelare mezza tazza di acqua calda, meglio se mineralizzata, con due cucchiai di aceto di sidro di mele. Se vuoi potenziare l’effetto sebo-regolatore, incorpora anche un estratto di tè alla menta. Mescola bene e utilizza il composto per risciacquare i capelli dopo il lavaggio abituale.

Menta

Questa erba ha molte proprietà benefiche, tra cui appunto quella di regolarizzare una produzione eccessiva di sebo. Prendi una manciata di foglie di menta, riducila in polvere aiutandoti con il mortaio e falle bollire per almeno 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, scola le foglie di menta e aspetta che si raffreddino. A questo punto, incorpora due o tre cucchiai di aceto di mele. Mescola bene fino ad ottenere una sorta di pasta. Applicala sul cuoio capelluto e massaggia a lungo. Successivamente, procedi al lavaggio abituale con shampoo e balsamo. Ripeti il trattamento una volta a settimana.

Farina o amido di mais

Ecco un’altra ricetta per realizzare una maschera che aiuterà a risolvere il problema dei capelli grassi. Procurati della farina o dell’amido di mais. Versane un misurino in una ciotola non metallica. Aggiungi un pizzico di pepe rosa e un altro di sale integrale. Miscelate tutti gli ingredienti ed applicate il composto sulla cute, massaggiando per bene. La consistenza granulosa del mais agirà come un leggero scrub, ed assorbirà quindi l’eccesso di oleosità. Lascia in posa per 30 minuti, poi spazzola i capelli o lavali come d’abitudine. Questa procedura non ha alcuna controindicazione, quindi puoi tranquillamente effettuarla ogni giorno o a giorni alterni, a seconda delle tue particolari necessità.

Rucola

Prova a preparare questo shampoo naturale, che si dimostrerà davvero utile allo scopo. Fai bollire una buona quantità di rucola fresca. Questa verdura è ricchissima di vitamina C, estremamente efficace per ridurre il surplus di sebo. Scola le foglie, falle raffreddare ed aggiungi tre cucchiai di bicarbonato di soda e un cucchiaio o due di polvere di zolfo (lo trovi in qualsiasi erboristeria a poco prezzo). Mescola e applica il composto direttamente sui capelli, distribuendo il composto in maniera uniforme. Fai agire per 15 minuti e poi risciacqua.

Argilla

Dopo lo shampoo e il balsamo, prepara una maschera sebo-regolatrice in questo modo: miscela in una ciotola non metallica due cucchiai di argilla verde o bianca, un bicchiere di aceto bianco o uno di sidro di mele, mezzo bicchiere di acqua minerale e due o tre gocce di olio essenziale d’argan. Applica sulla cute e lascia agire per un’ora almeno. Trascorso il tempo necessario, sciacqua con abbondante acqua tiepida. Ripeti il trattamento ogni 15 giorni per avere risultati duraturi e visibili.

Oli essenziali

Gli oli essenziali sono prodotti in grado di trattare gli inestetismi e i problemi dermatologici in maniera completamente naturale ed efficace. Basta aggiungere tre o quattro gocce di olio alla menta, arancia, limone o lavanda al tuo shampoo abituale per avere dei risultati eccellenti e in poco tempo. Ottimo anche l’olio di timo, specie se miscelato a quello di rosmarino e di salvia.

Shampoo fai da te

Per preparare questo favoloso shampoo fatto in casa, che regalerà ai capelli una lucentezza incredibile, mescola in un bollitore una manciata di foglie di lavanda, 1 di timo, 1 salvia e 1 di rosmarino. Fai bollire il tutto con 2 tazze di acqua per 30 minuti, poi scola e filtra il composto. Fai raffreddare ed aggiungi un misurino di sapone neutro in scaglie. Applica il prodotto come un normale shampoo. La miscela può essere conservata in un recipiente chiuso per 2 settimane, sempre che tu la conservi in un luogo fresco, asciutto e lontano dai raggi diretti del sole.

Consigli finali

Come abbiamo visto, la cura dei capelli grassi è efficace se si basa su metodi naturali precisi e puntuali. Ricordati di associare ai prodotti giusti una dieta ricca di frutta e verdura. Assumi alimenti ricchi di vitamina C ed antiossidanti. Evita i grassi, i fritti e gli alimenti troppo elaborati, che provocano un eccesso di sebo. Non lavare i capelli tutti i giorni. Evita di irritare la cute grattandola continuamente a causa del prurito. Questo accorgimento vale anche quando applichi lo shampoo. Preferisci l’acqua fredda o tiepida: quella calda può arrossare il cuoio capelluto. Non asciugare i capelli con la temperatura massima del fon e se possibile elimina la piastra. Non utilizzare mai pettini di plastica e a denti stretti. Per non aumentare la produzione di sebo, abbandona gel, creme e gelatine. Prima di andare a letto, effettua un massaggio sulla cute utilizzando i polpastrelli, in modo da attivare la microcircolazione. Appena prima di usare il fon, friziona con delicatezza i capelli, per rinvigorire radici e punte. In primavera e autunno assumi 1 cucchiaio di olio di ricino al giorno, molto efficace per il riequilibrio generale dell’intero organismo.

fonte

Whoopie al cioccolato | Ricetta facile e veloce

488225401

INGREDIENTI

  • 250 g di farina 00
  • 70 g di cacao amaro
  • 160 g di zucchero
  • 160 g di burro
  • 1 uovo
  • 8 g di lievito per dolci
  • 65 ml di latte
  • 60 ml di panna fresca liquida
  • 1 bustina di vanillina

Per la crema: 

  • 100 g di panna fresca liquida
  • 100 g di latte condensato

PROCEDIMENTO

Versate in una ciotola la panna liquida e la vanillina, mescolate bene.

In un’altra ciotola lavorate il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, aggiungete un pizzico di sale e l’uovo e amalgamate bene. Versate anche il composto con la panna e mescolate.

Aggiungete la farina, il cacao, il lievito e il latte e mescolate.

Mettete il composto in una sac à poche e realizzate su una teglia ricoperta di carta forno dei mucchietti di 4 cm di diametro e 2 di altezza circa e fate cuocere in forno preriscaldato statico a 180° per circa 15 minuti.

Una volta cotte, sfornate e lasciate raffreddare.

Montate la panna a neve ben ferma e aggiungete il latte condensato mescolando dal basso verso l’alto con movimenti delicati, tagliate a metà le vostre tortine e farcitele con il composto ottenuto.

Spolverizzate con zucchero a velo e servite, Buonissimi!!

fonte

 

5 esercizi per snellire cosce e fianchi

Il corpo delle donne tende ad accumulare grasso sulla zona addominale, cosce, fianchi e sedere. 

Purtroppo eliminare questo grasso non è affatto semplice, oggi vogliamo proporvi alcuni consigli per snellire le gambe e vogliamo proporvi alcuni esercizi che vi aiuteranno a dimagrire e tonificare i vostri glutei e le vostre cosce.

snellire cosce e fianchi

 

6 consigli per snellire cosce, fianchi e glutei

  • Limita l’assunzione dei grassi: l’unica vera soluzione per perdere peso è stare attenti a cosa mangiamo e limitare l’assunzione di grassi nocivi, quindi evitate fritture e preferite condimenti leggeri preferibilmente a crudo, quindi olio extra vergine di oliva, da evitare burro e margarina.
  • Mangia meno farinacei: cerca di limitare l’assunzione di pane e pasta con farina bianca, cerca di preferire sempre la farina integrale.
  • Bere acqua: gran parte della cellulite è provocato da una mancanza di idratazione, cercate di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno per eliminare le tossine e depurare il nostro organismo.
  • Limita il sale: il sale è un altro fattore fondamentale che contribuisce alla formazione di cellulite, cercate di eliminarlo o almeno limitarne il consumo.
  • Evita lo zucchero: lo zucchero non fa bene alla linea e aiuta ad aumentare la circonferenza di cosce e glutei, cercate quindi di evitarlo e preferire il miele o la stevia.
  • Consuma frutta e verdura: la frutta e la verdura sono ricche di vitamine e sali minerali, sono ottime per la salute e per la linea, dato che contengono poche calorie. Evitate di consumarle dopo il pasto.

 

Gli sport migliori per assottigliare cosce e glutei

  • Il nuoto è uno sport completo che fa lavorare tutto il corpo, anche l’acqua gym è un valido aiuto per perdere peso e rassodare i muscoli.
  • La corsa è ovviamente l’alternativa migliore per dimagrire e assottigliare cosce, glutei e punto vita. Basta mezzora al giorno, meglio se a stomaco vuoto, per bruciare grassi e dimagrire in fretta.
  • La camminata veloce è un altro valido aiuto per perdere peso, anche in questo caso almeno mezzora al giorno di camminata.
  • La danza: se non ti piace correre prova a ballare o ad eseguire degli esercizi di fitness a casa.
  • La bicicletta: la bicicletta permette di lavorare i muscoli delle gambe, quando è bel tempo è sicuramente una valida alternativa ai mezzi pubblici e alla macchina.

 

Esercizi specifici per assottigliare cosce e fianchi

Squat: si fa con i piedi totalmente appoggiati al suolo distanziati un po’ più rispetto alle spalle, punta i piedi leggermente verso l’esterno. Guardando fisso in avanti, piega le ginocchia come se ti stessi sedendo su una sedia mantenendo i talloni sul pavimento. Cerca di mantenere la schiena dritta.  Abbassati piano piano. La parte superiore delle gambe dovrebbe essere parallela al suolo. Sollevati lentamente e ripeti l’esercizio.

squat-esercizi-per.migliorare-la-corsa

 

Affondi: in piedi, con i piedi divaricati alla stessa ampiezza delle anche, contrai glutei e addominali e lancia un piede in avanti. Il ginocchio deve formare un angolo retto con il pavimento. Mantieni la posizione per qualche secondo e poi ripeti l’esercizio.

walking-lunges_jpg_485x0_crop_upscale_q85

 

Sedia: schiena contro il muro e piedi divaricati, fletti le gambe fino a sederti su una sedia invisibile, rimani cosi per qualche secondo e poi torna alla posizione di partenza.

Gambe-Toniche-Squat-Esercizio-Sedia-Muro-Sollevamenti-Pesi-Affondi-Glutei-2015

Se riuscite ad eseguire questi esercizi tutti i giorni per almeno 20 giorni, noterete presto dei netti miglioramenti su cosce, glutei e fianchi.

fonte

“GOOGLE TRADURRESTI QUESTO PER FAVORE?”, LA RICERCA DELLA NONNA FA IMPAZZIRE IL WEB

"Google tradurresti questo per favore?", la ricerca della nonna fa impazzire il web

Che il linguaggio dei nonni sia decisamente di altri tempi è una cosa ormai nota, ma quello che ha scoperto un nipote nel pc della nonna è veramente esilarante. Ben John, 24 anni, ha fotografato e pubblicato su Twitter la modalità di ricerca su Google di sua nonna May Ashworth.  ”Per favore, tradurresti queste cifre romane MCMXCVIII grazie”. Il fatto che la signora avesse digitato “per favore” e “grazie”, come se il motore di ricerca fosse una persona ha fatto letteralmente impazzire la rete. “Ho scoperto che quando mia nonna cerca qualcosa sul web scrive sempre ”per favore” e ”grazie”: è stato il commento del nipote che con il suo post ha fatto il giro della rete in breve tempo. Sono tantissime le persone che hanno salutato la nonna di Ben, che l’hanno elogiata per la simpatia e l’educazione. La signora May, ora, da titubante vecchietta che fa ricerche su Google è diventata una star del web.

 

fonte

La dieta last minute per perdere 5 kg

Qualsiasi dieta dovrebbe presupporre il via libera del proprio medico o nutrizionista di fiducia, ma se non avete tempo di aspettare e volete subito fare qualcosa per perdere qualche chilo di troppo in poco tempo, con la prova costume che ormai bussa alla porta, ecco una dieta che vi consentirà di dimagrire 5 kg nell’arco di una settimana, a patto di essere forniti di una buona dose di volontà.

HiRes

Vediamo insieme cosa mangiare

Le regole basilari sono le solite: evitate bevande gassate e zuccherate, bandite dolci e cibi grassi e prediligete frutta, verdura e molta acqua (almeno 2 litri al giorno).

A colazione è consentito bere un caffè o un tè accompagnato da un frutto di stagione.

Prima di pranzo bevete un succo di frutta senza zucchero.

Il primo giorno:  a pranzo minestrone e frutta, al pomeriggio ancora un succo di frutta e a cena ancora minestrone con patate lesse e un frutto (eccezion fatta per l’uva).

Il secondo giorno al minestrone a pranzo potete aggiungere della cicoria o delle bietole o del radicchio verde, a cena si può optare per un piatto di funghi conditi solo con olio extravergine di oliva, ma se è avanzato ancora del minestrone meglio consumarlo.

Colazione e spuntini restano sempre invariati.

Il terzo giorno ancora minestrone a pranzo con un piatto di carote condite solo con olio di oliva, mentre a cena al minestrone potete aggiungere delle zucchine o melanzane alla griglia.

Se siete stanchi di mangiare minestrone il quarto giorno potete sostituirlo con del pesce a vapore (merluzzo, sogliola o salmone) insieme a dei pomodori. A cena potrete mangiare del minestrone con 200 grammi di pesce alla griglia o tonno al naturale.

Il quinto giorno potete scegliere tra il continuare con il minestrone oppure optare per 200 grammi di yogurt magro e una banana, mentre a cena ancora minestrone e un frappè preparato con 20 cl di latte.

Se al sesto giorno avete desiderio di pasta potete optare per quella integrale oppure per il riso integrale, altrimenti due fette di carne di manzo alla griglia abbinate a dei finocchi cotti al vapore. A cena 300 grammi di pollo arrosto e, se desiderate, il minestrone.

Infine al settimo giorno si consiglia pasta o riso integrale a pranzo, mentre a cena ancora del minestrone abbinato a dei cetrioli. Questo regime alimentare piuttosto rigido va seguito per non oltre una settimana.

fonte

La dieta del limone per perdere 3 kg in una settimana

Dovete perdere peso ma non riuscite ancora ad ottenere buoni risultati?

Oggi voglio proporvi la dieta del limone, un regime alimentare che vi aiuterà a perdere peso e ad eliminare il grasso su cosce e fianchi, visto che il limone è un alimento depurativo e aiuta a combattere la ritenzione idrica.

Il limone è anche un valido aiuto per combattere il grasso e il gonfiore addominale, problema molto diffuso e comune tra le donne.

la dieta del limone

La dieta del limone

 

La dieta del limone è stata ideata dalla dottoressa Martine André, questa dieta prevede un utilizzo massiccio di questo agrume poiché ricco di proprietà drenanti e depurative.

Questo programma dimagrante si basa su una bevanda depurativa, da bere la mattina a digiuno e la sera prima di andare a dormire.

Si prepara con 300 ml di acqua, 2 cucchiai di succo di limone, un pizzico di peperoncino.

Questa bevanda ha capacità di riattivare il metabolismo e regolarizzare l’intestino pigro.

Grazie a queste proprietà, è possibile ottenere una perdita di peso veloce fino a 3 kg in una settimana.

Questa dieta è famosa poiché aiuta ad eliminare velocemente il grasso e gonfiore addominale.

La dieta del limone è ottima anche per coloro che devono perdere molto peso, in quanto è un valido aiuto per disintossicarsi ed è ottima come regime depurativo.

 

La dieta del limone dura circa una settimana, ecco il menù tipo da seguire:

 

Appena sveglie:  la bevanda al limone

Colazione: yogurt con frutta fresca e 2 cucchiai di fiocchi di avena, 300 ml di latte vegetale.

Spuntino: 8 mandorle e una spremuta di arancia.

Pranzo: zuppa di verdure o zuppa di legumi, due fette di pane integrale, 50 g di ricotta.

Spuntino: un frutto fresco.

Cena: pesce o pollo alla griglia o al vapore, condito con olio e succo di limone, verdure a foglia larga condite con olio e succo di limone.

Prima di dormire: la bevanda al limone

 

Oppure:

 

Appena sveglie:  la bevanda al limone

Colazione: macedonia con frutti di bosco, una mela e una manciata di mandorle.

Spuntino: una spremuta di arancia e una banana.

Pranzo: fagioli o lenticchie in insalata, conditi con olio a crudo e aceto.

Spuntino: un frutto fresco.

Cena: pesce alla griglia o al vapore condito con succo di limone e verdure lesse.

Prima di andare a dormire: la bevanda al limone.

 

Dovrete seguire questa dieta per almeno una settimana, alternando magari i due esempi di menù, potete fare delle piccole modifiche e alternare i pasti ma ricordatevi che i condimenti sono molto importanti, quindi scegliete condimenti sani e leggeri.

Da preferire ovviamente olio a crudo, limone e aceto.

Evitate lo zucchero, bevande gassate e zuccherate, cibo spazzatura.

Cercate di seguire questa dieta alla lettera, in fondo dura solo una settimana e noterete presto i risultati.

fonte

Dieta dei 3 giorni per dimagrire e purificarsi

L’estate arriva a grandi falcate e abbiamo bisogno non solo di perdere qualche chilo ma di purificarci dalle tossine e scorie accumulate durante l’inverno, periodo solitamente caratterizzato da grandi abbuffate. La prova costume diventa quasi un dramma per molte persone, del gentil sesso e non solo, ma la mancanza di volontà e di tempo spesso si impediscono di rimetterci in forma come meriteremmo. Ma se avete intenzione quantomeno di resistere almeno tre giorni oggi vi presentiamo una dieta purificante, una sorta di terapia d’urto che vi permetterà di eliminare parte della ritenzione idrica. Essendo una dieta abbastanza rigida si consiglia di non praticarla per più di una volta al mese. Ogni 40 giorni sarebbe però abbastanza proficua…

Primo giorno

PRIMA DI COLAZIONE: Un bicchiere di acqua tiepida

COLAZIONE: Uno yogurt magro, 30 gr di cereali integrali e 200 ml di succo di frutta senza zuccheri aggiunti

SPUNTINO: Un centrifugato di verdure preparato con finocchi, lattuga, radicchio e carote. 2 kiwi

PRANZO: 150 gr di platessa al vapore, un panino integrale, un’ insalata mista preparata con carciofi crudi, finocchi, lattuga, radicchio e un cucchiaino di olio extravergine d’oliva. Una fetta di ananas

SPUNTINO: Una tazza di tè verde

CENA: 70 gr di riso al pomodoro, un’insalata mista preparata con carciofi crudi, finocchi, lattuga radicchio e un cucchiaino di olio extravergine d’oliva. Una fetta di ananas

Secondo giorno

PRIMA DI COLAZIONE: Un bicchiere di acqua tiepida

COLAZIONE: Frutta fresca di stagione

SPUNTINO:  Una tazza di tè verde

PRANZO: Un’insalata mista condita con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva e limone, 2 fette di ananas e 200 ml di succo di frutta senza zuccheri aggiunti

SPUNTINO: Un centrifugato di verdure preparato con finocchi, radicchio, lattuga, cicoria e carote. 2 kiwi

CENA: 200 gr di minestrone di verdure con patate e una spremuta d’arancia

Terzo giorno

PRIMA DI COLAZIONE: Un bicchiere di acqua tiepida

COLAZIONE: 2 fette biscottate integrali con 2 cucchiaini di marmellata senza zucchero oppure miele e un succo di frutta senza zuccheri aggiunti

SPUNTINO: Un centrifugato di verdure preparato con finocchi, lattuga, radicchio e carote. 2 kiwi

PRANZO: 150 gr di minestrone con patate e legumi condito con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva. 2 fette di ananas

SPUNTINO: Una tazza di tè verde

CENA: 70 gr di riso al pomodoro, un’insalata mista preparata con carciofi crudi, finocchi, lattuga radicchio e un cucchiaino di olio extravergine d’oliva. 2 fette di ananas e una spremuta d’arancia

 

fonte

SOFFRI DI MAL DI STOMACO? ECCO COSA POTREBBE ESSERE

Soffri di mal di stomaco? Ecco cosa potrebbe essere
Il mal di stomaco è spesso frequente, le cause possono essere molteplici ma resta uno dei disturbi più comuni e fastidiosi, che possono avere un serio impatto nella vita quotidiana di una persona, come spiega il ‘Mail Online’. “Il nostro tratto digestivo non è solo un tubo – afferma la nutrizionista Cassandra Barns – ma si compone di parti distinte, nelle quali si verificano processi gastrici diversi, così come i diversi tipi di cellule prodotte da queste ‘sezioni’. Queste cellule producono sostanze che includono enzimi e acidi che danno istruzioni al sistema digestivo affinché ‘faccia il suo dovere’. Ma per assicurare una buona digestione tutte queste componenti devono lavorare nel modo giusto”. Certo, nel processo digestivo non è detto che tutto fili liscio. La digestione è un sistema davvero complesso e anche uno stile di vita sano non scongiura problemi intestinali. Tuttavia, per tenere a bada l’intestino basta evitare sette ‘peccati capitali’, che rischiano di mettere ko il nostro sistema di digestione. 
1. Eccesso di cibo
Mangiare troppo può avere un effetto negativo sul sistema digestivo, mettendolo sotto pressione. “Un eccesso di cibo può intaccare il sistema digestivo – spiega la nutrizionista Shona Wilkinson – che non riesce a produrre abbastanza sostanze, come acido nello stomaco ed enzimi digestivi per far fronte al volume di cibo ingerito”.
 2. Non masticare correttamente
Può sembrare ovvio, ma non masticare adeguatamente può essere una delle principali cause di sintomi sgradevoli, soprattutto gonfiore addominale. La masticazione è necessaria per sminuzzare il cibo in particelle più piccole, dando così la possibilità ai succhi gastrici di lavorare meglio. “Se non si mastica correttamente, il processo digestivo non funziona come dovrebbe – sostiene Barns – E potrebbero verificarsi problemi come reflusso acido e fermentazione in eccesso nel tratto digestivo inferiore, provocando gonfiore, flatulenza e crampi”. Un boccone di cibo andrebbe masticato almeno 30 volte, ed è sempre meglio fare piccoli morsi. “Un trucco è mangiare con la mano sinistra o con la destra se si è mancini. In questo modo non si è portati a ingerire cibo velocemente”. 
3. Apporto di fibre
Le fibre sono una componente fondamentale per qualsiasi dieta, e per una serie di motivi: non ultimo, aiuta a prevenire la stipsi. In particolare, la fibra solubile, un tipo di fibra che si scioglie nell’acqua formando una sorta di gel nell’intestino, contribuisce ad ammorbidire le feci, favorendo il movimento naturale del tratto digestivo. Inoltre, può essere utilizzata dai ‘batteri buoni’ per produrre sostanze che nutrono le pareti intestinali “Le fibre solubili agiscono come probiotici e si trovano nella frutta e nella verdura – spiega la nutrizionista Marilyn Glenville – Ma anche nell’avena, nei semi di lino, in fagioli e piselli”. Attenzione però a un eccesso di fibra, che potrebbe essere dannosa per le persone che soffrono della sindrome del colon irritabile: “La fibra insolubile si trova nella crusca, nei cereali integrali, nei semi e nelle noci – afferma la dottoressa Wilkinson – ma se si soffre di gonfiore e crampi meglio limitare la crusca di frumento e mangiare più avena e riso integrale”.
 4. Stress o ansia
Lo stress può causare una miriade di problemi di salute, dal mal di testa alla pressione alta, mentre l’ansia può stravolgere l’intestino, provocando veri e propri problemi digestivi. “I neurotrasmettitori – spiega la dottoressa Barns – come la serotonina aiutano a regolare e stimolare i processi digestivi. Se ci sentiamo ansiosi, stressati o giù di morale i livelli dei neurotrasmettitori sono squilibrati, causando sintomi spiacevoli. Questi problemi possono presentarsi in particolare se si mangia mentre ci si sente stressati o ansiosi. Per ridurre i livelli di stress prendete sempre tempo per rilassarvi prima di mangiare, mangiate lentamente e mai di corsa”. 
5. Mancanza di esercizio fisico
Fare movimento stimola il tratto digestivo: svolgere una buona attività fisica può quindi aiutare chi soffre di disturbi intestinali, soprattutto la costipazione. “L’esercizio aiuta anche a tenere sotto controllo il gonfiore la i sintomi della sindrome del colon irritabile – commenta Glenville – Forse perché allevia lo stress. Esercizi dolci e rilassanti come quelli di yoga e pilates possono essere davvero vantaggiosi”. 
6. Antibiotici
Gli antibiotici sono uno strumento molto efficace e spesso un vero salvagente contro le infezioni batteriche. Il rischio però è che influenzino i batteri buoni nell’intestino, soprattutto quando vengono assunti per un lungo periodo di tempo. “Un equilibrio acido-alcalino sbagliato nell’intestino – sostiene Barns – provoca una crescita eccessiva di batteri nocivi e lieviti che portano a uno scarso assorbimento delle sostanze nutritive, gonfiore, crampi, diarrea o costipazione”.
 7. Ulcera peptica
Se sentite bruciore di stomaco un paio di ore dopo aver mangiato e questo si verifica per diversi giorni o settimane, allora potreste avere un’ulcera peptica. “Questa condizione – spiega la dottoressa Wilkinson – è causata dall’Helicobacter pylori, che si può trovare nell’acqua o nel cibo. Questo fa sì che gli acidi digestivi passino attraverso il rivestimento dello stomaco, danneggiandolo e provocando nausea, eruttazione e vomito”. Mangiare, in questo caso, potrebbe apportare sollievo ma l’ulcera deve essere trattata con antibiotici e farmaci acido-soppressori. “Una volta sconfitta l’ulcera – conclude Wilkinson – fate attenzione ad alcol, caffè, bevande di agrumi, cibi piccanti e affumicati che possono aumentare l’acidità di stomaco”.

Dalle rughe alla crema, i veri e falsi miti sull’abbronzatura

Dalle rughe alla crema, i veri e falsi miti sull'abbronzatura

La protezione solate alta, ad esempio 50? Non è vro che non fa abbronzare. Ci fa, anzi, prendere colore con gradualità e in maniera più duratura, al contempo difendendoci e aiutandoci a non danneggiare la pelle.

Non esistono, però, dei solari che durano l’intera giornata, ma occorre riapplicarli in media ogni due ore, dopo il bagno al mare ma anche dopo aver sudato, mentre è vero che i prodotti waterproof non sono poi completamente resistenti all’acqua e che i solari generalmente hanno una scadenza che va rispettata e vanno conservati bene. Questi alcuni verie falsi sulla tintarella secondo la dermatologa Norma Cameli, responsabile di Dermatologia estetica dell’Istituto dermatologico San Gallicano di Roma.

E’ vero che il sole fa venire le rughe: l’80% del fotoinvecchiamento della pelle è dovuto ai danni del sole e le zone più esposte sono il viso e il décolleté, che tendiamo a tenere esposti più spesso anche quando non siamo al mare ma in città, non solo in estate. L’esperta ricorda che il sole va preso gradualmente e che può esporsi con le dovute precauzioni anche chi ha dei nei, specificando che «il rischio el melanoma aumenta con il sole concentrato in poco tempo, ad esempio nel week end» e con le ustioni solari, in particolare il troppo sole da bambini.

E’ vro che esistono alcuni cibi che possono favorire l’abbronzatura, le carote sono un classico ma anche il te verde o alcuni integratori. Inoltre si è sempre parlato del rapporto tra sole e decolorazione dei capelli, ritenendo che il sole non influisse sulla crescita, ma così non è. Anzi, il troppo sole in estate può favorire la caduta dei capelli in autunno».

fonte

Le 11 regole per dormire bene quando si hanno poche ore a disposizione

Le 11 regole per dormire bene quando si hanno poche ore a disposizione

In tempi come quelli che stiamo vivendo, in cui anche i beni immateriali e “naturalmente” gratuiti sembrano avere un costo, i consigli dispensati da un sito specializzato nella vendita di materassi e lenzuola saranno accolti con favore da quanti – per stile di vita, lavoro e altri impedimenti – vivono il riposo notturno come una dura conquista, costretti da orari massacranti o dai più svariati fattori, primo fra tutti lo stress, che impediscono di godersi lunghe ore di sonno.

Al primo posto, il sito SleepyPeople.com mette l’orologio biologico: quando è il corpo a mandarci segnali inequivocabili, il meglio che si possa fare, come minimo, è rispettarli; il consiglio, quindi, è di approntare una sorta di “tabella del sonno” e di seguire per quanto possibile una certa routine. In questo modo al mattino ci sentiremo molto meglio, avendo abituato il corpo a riposare un certo numero di ore.

Altro importante accorgimento è distanziare, anche di poco, l’attività della veglia con il momento del sonno. Da evitare assolutamente il lavorare fino a un attimo prima di mettersi a dormire; il corpo, infatti, ha bisogno di calibrare i propri ritmi alle varie attività che è chiamato a svolgere. Una buona idea, quindi, potrebbe essere quella di leggere o guardare la tv per una mezz’oretta prima di spegnere la luce. Il rischio di addormentarsi col libro in mano o il televisore accesso è messo in conto, ma fa parte degli effetti collaterali.

In camera da letto, poi, non dovrebbero esserci schermi di alcun tipo, come tv, smartphone, computer, iPad: le luci al led possono disturbare il sonno. Attenzione anche alla temperatura dell’ambiente in cui si dorme: solitamente è troppo alta, aggirandosi intorno ai 21 gradi; l’ideale sarebbe fra i 15 e i 18. Se poi si hanno difficoltà insormontabili a riposare, perché magari attraversiamo un periodo particolarmente stressante e difficile, buona norma sarebbe tenere un diario in cui sfogarsi, appuntare problemi, ansie, paure che ci impediscono di dormire serenamente. Lo stress va tenuto fuori dal letto. Associato a questa abitudine, un altro metodo per favorire il sonno è quello di stilare una lista delle cose da fare il giorno dopo; spesso, infatti, le persone non riescono ad addormentarsi perché a letto continuano a pensare agli impegni da sbrigare nella giornata successiva.

Anche la meditazione può essere un buon rimedio alla carenza di sonno, o semplicemente per riposare bene. Così facendo, la mente si sgombra, abituandosi a focalizzarsi sul presente, sull’immediato. Dal momento che, anche durante il sonno, la nostra mente è “in ascolto”, tutto ciò che la circonda mentre si dorme dovrebbe essere “naturale”; i rumori troppo forti, come quelli minimi ma ugualmente fastidiosi, le sonorità elettroniche, i decibel di troppo, il chiasso, andrebbero tenuti il più lontano possibile dalla camera da letto. Tra i consigli più tradizionali, ma mai passati di moda, evitare l’assunzione di troppa caffeina, magari limitando il consumo di caffè alla sola mattinata: l’effetto stimolante sul sistema nervoso centrale, infatti, si protrae fino a 14 ore.

Per concludere, ma non in ordine di importanza, basta ricordarsi che il posto in cui si dorme, la propria camera da letto, deve essere associata esclusivamente al sonno. Tra le quattro mura della propria stanza, quindi, non si dovrebbe lavorare, guardare la tv o altro. Il nostro cervello, in tal modo, abbinerà quello spazio all’attività per cui è stato pensato, cioè dormire.

fonte

Il cibo ti fa bella, le rughe si “curano” a tavola

Il cibo ti fa bella, le rughe si “curano” a tavola

La salute della pelle non è solo un fattore estetico. Il effetti, la puliamo, la idratiamo, la coccoliamo con amore attraverso creme, massaggi, peeling e spiamo ogni suo segno, ruga, imperfezione. Ma per tenerala in forma perfetta, i trattamenti estetici non bastano.
La miglior cura inizia a tavola. E’ questo il tema del corso Skineco (Associazione internazionale di ecodermocompatibilità).

«La più recente e stimolante branca della genetica è quella che ha chiarito come il dna non sia un elemento statico che rappresenta il nostro destino biologico, ma anche al contrario è un sistema dinamico che dialoga, interagisce e reagisce agli stimoli ambientali. Questa branca di studi, l’epigenetica, ha aperto orizzonti inimmaginabili nella medicina e nelle possibilità di prevenzione, ma ha implicazioni anche sui pocessi di invecchiamento. Facendo le scelte giuste quindi possiamo accendere i geni buoni e spegnere quelli dannosi e influire sulla salute ma anche sulla longevità e sulla bellezza» sostiene Filippo Ongaro specialista in Medicina anti-ageing.

«Parte del nostro elisir di lunga vita è in cucina – rinforza Pucci Romano dermatologa e presidente Skineco – e il segreto risiede nelle radici ambientali, culturali e culinarie del nostro Paese».

Nessun nutriente è escluso dalla tavola

1) Nella ricetta di una pelle sana e giovane nessun nutriente deve mancare all’appello e nessuno deve essere escluso

2) I carboidrati sono la benzina del corpo ma quando è possibile è meglio scegliere quelli integrali, limitando i prodotti preconfezionati e di origine industriale.

3) Quando scegliamo il metodo di cottura di un cibo stiamo favorendo o contrastando rughe e invecchiamento. L’uso del forno ad alte temperature, grill, fritture e tutte le cotture a più di 120 gradi aumentano la glicazione, molecole che derivano dal legame di zuccheri e proteine dannose per cute e tessuti.

4) Le proteine sono la struttura di sostegno e i costituenti essenziali di tutte le cellule e alcuni degli aminoacidi di cui sono composte. Tra i più importanti per un’azione anti-età la creatina che stimola la produzione di collagene ed elastina

5) Grassi buoni necessari. Specialmente gli omega 3 e 6 migliorano idratazione e elasticità della pelle

6) Le vitamine sono capacir di riparare i danni tissutali e si accompagnano spesso agli antiossidanti. Tutto è contenuto in alimenti deliziosi e freschi come frutta e verdura.

fonte

Una passeggiata al giorno allunga la vita di 7 anni

Una passeggiata al giorno allunga la vita di 7 anni

Passeggiare a passo svelto per 25 minuti al giorno può contribuire ad allungare la vita di ben sette anni. E’ quanto emerge da uno studio tedesco presentato al congresso della Società europea di cardiologia a Londra.

Non solo l’esercizio fisico moderato può dimezzare il rischio di morte per un attacco di cuore fra i 50-60enni ma contribuire a rallentare l’invecchiamento.
Secondo la ricerca condotta all’università di Saarland su un campione di circa 70 prsone, tra i 30 e i 60 anni, e sedentarie, il fatto di sottoporle a una attività fisica aerobica continua, unita anche ad allenamenti più intensi, ha prodotto una serie di miglioramenti della loro salute riscontrabili negli esami del sangue. E’ stato infatti rallenatto il processo di invecchiamento e si è attivato un processo di riparazione del Dna.

fonte

Germania, vaccino universale per i tumori, test sui primi tre pazienti

Germania, vaccino universale per i tumori, test sui primi tre pazienti

Messo a punto e testato per ora su tre pazienti, tutti con melanoma in stadio avanzato, un vaccino potenzialmente universale contro i tumori. Ideato da esperti dell’università Johannes Gutenberg a Mainz, il vaccino è costituito da una capsula di molecole di grasso e contiene un cuore genetico, un piccolo Rna su cui sono scritte le istruzioni per attivare le cellule del sistema immunitario del paziente a sferrare una forte risposta immunitaria contro il tumore. Secondo quanto riferito sulla rivista Nature, la sua unicità sta nel fatto che il vaccino funziona in maniera semplicissima e induce una forte reazione immunitaria: iniettato endovena, infatti, raggiunge i distretti immunitari del corpo (milza, linfonodi, midollo osseo) dove attiva una forte risposta immunitaria contro il tumore, sostenuta nel tempo.

«Per ora – spiega all’Ansa Ugur Sahin, ricercatore che ha condotto il lavoro – abbiamo ancora una evidenza clinica limitata, poiché abbiamo testato il vaccino su soli tre pazienti. Comunque questi sono rimasti stabili, il che significa che i loro tumori hanno smesso di crescere dopo la vaccinazione e per tutto il periodo di osservazione». «Nel 2017 – anticipa Sahin – testeremo il vaccino su altri pazienti con diversi tipi di tumore». «La grande novità di questo lavoro – spiega Enrico Proietti, Direttore del reparto di applicazioni cliniche delle terapie biologiche dell’Istituto Superiore di Sanità – sta nel fatto che questi ‘liposomì (gli involucri di grasso che racchiudono il vaccino) sono molto efficaci nell’indurre una forte risposta immunitaria, sia perché attivano l’interferone, sia perché raggiungono quasi tutti la milza, centro nevralgicò delle reazioni immuni.

Potenzialmente, quindi, si tratta di un nuovo metodo di vaccinazione universalmente applicabile a diversi tumori (cambiando il ‘contenuto della capsula a seconda del cancro), sottolinea Proietti. »isogna però essere cauti perché il dato clinico è al momento ancora troppo preliminare. Il segreto di questo vaccino sta, dunque, nella capsula di ‘gocciolinè di grasso con cui viene veicolato. La capsula, infatti, raggiunge spontaneamente i distretti immunitari del corpo del paziente e, una volta giunta a destinazione, viene ingoiata dalle cellule dendritiche che poi leggono le istruzioni in essa contenute – l’Rna – e le traducono in un »antigene tumorale specificò, una «etichetta» molecolare che direziona le difese immunitarie in maniera mirata contro il tumore.

La risposta immune scatenata è molto forte. Il carattere di potenziale universalità del vaccino risiede nel fatto che l’Rna inserito nella capsula è intercambiabile a seconda del tumore, così da essere tradotto in un antigene tumore-specifico. Gli esperti hanno prima dimostrato l’efficacia del vaccino sui topi con diversi tipi di cancro; successivamente hanno iniziato i test sull’uomo, concentrandosi inizialmente sul melanoma. Testato su tre pazienti in stadio avanzato di malattia, il vaccino, già a basse dosi, si è mostrato capace di dare avvio a una forte risposta immunitaria. Il prossimo passo della ricerca, dunque, sarà modificare il cuore del vaccino con nuovi Rna antigenici e testarlo su pazienti con diversi tumori.

fonte

INSTAGRAM CAMBIA, ADDIO ORDINE CRONOLOGICO: ARRIVA L’ALGORITMO, COME FACEBOOK E TWITTER

Instagram cambia, addio ordine cronologico:
arriva l'algoritmo, come Facebook e Twitter

Nonostante le proteste di una parte della comunità online, Instagram decide di dire addio alla visualizzazione dei post in ordine cronologico, seguendo le orme non solo della stessa Facebook ma anche di Twitter. Il social delle immagini ha annunciato che nel giro di un mese i suoi utenti, 400 milioni nel mondo attivi mensilmente, visualizzeranno i post dei loro contatti secondo un ordine di «importanza» deciso da un algoritmo. In media, spiega la compagnia di proprietà di Facebook dal 2012, gli utenti perdono il 70% dei post dei loro contatti ed è per questo che è stato testato un diverso modo di ordinare i contenuti condivisi. Quest’anno, spiega Instagram, «abbiamo annunciato un nuovo tipo di ordinamento per i post del feed che consente di vedere quelli che ritieni più importanti per primi. L’ordine è basato su elementi come la tempestività del post e le interazioni con la persona che pubblica i post. Nei mesi passati, abbiamo riscontrato che quest’ordine aiuta le persone a vedere un maggior numero di video e foto di loro interesse». Di qui la decisione di implementarla per una parte della comunità globale, e gradualmente per tutti. Nei mesi scorsi alcuni blog coinvolti nei test avevano cominciato a criticare la novità scatenando una protesta virale che aveva inizialmente indotto Instagram a rassicurare i suoi iscritti affermando che il cambiamento non era ancora effettivo.

 

fonte

La colazione ideale per perdere peso, ecco 6 cose da non fare:

La colazione è il pasto più importante della giornata ma molto spesso tendiamo a trascurarlo scegliendo alimenti sbagliati o saltandola completamente.

Una buona colazione deve essere equilibrata, non deve essere troppo abbondante e deve contenere il giusto apporto calorico.

dieta colazione

Ecco 6 cose da evitare a colazione se si vuole dimagrire

  • Saltare la colazione: saltare la colazione è un’abitudine sbagliatissima, non solo perché arriviamo da un digiuno notturno ma anche perché non mangiare nulla di prima mattina e saltare il pasto porta ad abbuffarci al pasto successivo e rallenta il nostro metabolismo provocando cosi il rischio di ingrassare.
  • Non bere acqua a stomaco vuoto: prima di fare colazione sarebbe opportuno bere un bicchiere di acqua tiepida a stomaco vuoto oppure un bicchiere di acqua e limoni (qui i benefici), in questo modo depuriamo l’organismo dalle scorie. Non bevendo un bicchiere di acqua la mattina rischiamo di non idratare e depurare al meglio il nostro organismo, accelerando l’invecchiamento cutaneo.
  • Bere succhi di frutta: i succhi di frutta confezionati sono ricchi di zuccheri e conservanti e privi di vitamine, meglio sostituire il succo di frutta con una spremuta di arancia o un centrifugato di frutta fresca.
  • Non mangiare fibre a sufficienza: le fibre sono fondamentali a colazione perché aumentano il senso di sazietà e aiutano a ridurre l’assorbimento dei grassi e zuccheri. Sono utili per il funzionamento del ciclo intestinale e apportano le giuste energie per affrontare la giornata. Cercate di preferire cereali integrali perché contengono più fibre.
  • Mangiare i biscotti: se siete a dieta evitate i biscotti ricchi di zuccheri, grassi e calorie, se proprio non potete farne a meno scegliete biscotti dietetici e ricchi di fibre e non esagerate con le quantità.
  • Dimenticarsi le proteine: le proteine offrono un senso di sazietà per tutta la mattina, potete optare per uno yogurt.

La colazione ideale deve contenere fibre, vitamine e proteine, potete optare per uno yogurt con dei cereali integrali, una tazza di tè o caffè e un frutto fresco.

Cercate di fare colazione sempre alla stessa ora e di farla dalle 7 alle 10 e non più tardi perché l’organismo è in piena attività.

Cercate di non fare colazione velocemente ma di concedervi almeno 15 minuti per mangiare in tutta calma.

Ovviamente cercate di evitare la colazione al bar, sono banditi cornetti, paste e altri dolci confezionati, che oltre che a farci male ci fanno ingrassare.

 

fonte

6 cose da non fare a colazione per dimagrire

Sapevate che la maggior parte delle persone fa una colazione scorretta o addirittura la salta proprio?

La colazione è il pasto più importante della giornata, noi purtroppo tendiamo spesso a trascurarlo scegliendo alimenti sbagliati e poco nutrienti.

La colazione infatti influisce in modo positivo o negativo sulla nostra alimentazione, soprattutto quando si vuole perdere peso.

Una buona colazione deve essere equilibrata, né esagerata e né troppo scarsa. Ma come scoprirlo?

colazione per dimagrire

Ecco 6 cose da non fare mai a colazione se si vuole dimagrire

 

  • Saltare la colazione: l’abitudine più sbagliata ma che in molti facciamo è saltare la colazione o ridurla ad un caffè. E’ sicuramente un’abitudine da abbandonare, la mattina il nostro corpo ha bisogno di alimentarsi proprio perché arriviamo da un digiuno notturno di molte ore. Saltare la colazione oltre che a far male e a non darci le giuste energie per affrontare la giornata, ci fa ingrassare e rallenta il nostro metabolismo provocando a lungo andare un aumento di peso.
  • Non bere acqua a stomaco vuoto: la prima cosa da fare la mattina è bere uno o due bicchiere di acqua a stomaco vuoto per depurare l’organismo dalle tossine, l’ideale sarebbe un bicchiere di acqua e limone . Se siete tra questi tipi di persone vi basterà bere solamente acqua, preferibilmente tiepida.
  • Bere succhi di frutta confezionati: evitate succhi di frutta confezionati, sono purtroppo ricchi di zuccheri e conservanti e non contengono le vitamine contenute nella frutta. Meglio sostituire il succo di frutta con una genuina spremuta di arancia o con della frutta fresca.
  • Non mangiare fibre a sufficienza: le fibre a colazione sono fondamentale poiché aumentano il senso di sazietà e aiutano a ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri, sono inoltre efficaci per il buon funzionamento intestinale. Cercate di mangiare a colazione sempre cereali integrali o fiocchi di avena.
  • Mangiare i biscotti: di biscotti in commercio ce ne sono un’infinità ma sono davvero pochi quelli che possono essere mangiati quotidianamente, cercate di preferire biscotti che non contengono zucchero, olio di palma, troppi grassi, conservanti e additivi. Leggere l’etichetta è importante, quando andate a fare spesa prendetevi 5 minuti di tempo per leggere le etichette, in questo modo saprete cosa state mangiando.
  • Dimenticare le proteine: molto spesso a colazione ci dimentichiamo le proteine, quest’ultime ci aiutano a darci la giusta energie e ad aumentare il senso di sazietà, in questo modo non avremmo la sensazione di fame che abbiamo quotidianamente.

Ricordatevi che la colazione perfetta deve contenere fibre, vitamine e proteine.

Un esempio di colazione ideale è uno yogurt magro con cereali integrali o fiocchi di avena, accompagnato con una tazza di tè nero o tè verde dolcificato con miele e un frutto fresco.

Dieta dell’acqua: 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana

fonte

Perdi 5 Kg in Un Mese Senza Dieta Bevendo Questo

Oggi vi sveliamo come perdere 5 kg in un mese senza diete e senza sforzi.

Ginger Tea Cup

Dopo le festività natalizie pesarsi diventa uno stress e soprattutto ci riempie di sensi di colpa il fatto di aver mangiato troppo, ma non dovete preoccuparvi perché esistono dei metodi semplicissimi per perdere peso, ci vuole solo un po’ di costanza e di determinazione.

La natura ci offre sempre incredibili benefici, molto spesso però non riusciamo a dare abbastanza importanza a questi alimenti e ci imbattiamo in diete strane, restrittive e in integratori nocivi per il nostro organismo.

Ci sono alcune diete infatti che ti fanno perdere subito peso ma appena si interrompe la dieta si riprendono tutti i kg persi, questo è quello che noi cerchiamo di evitare ed ecco quindi la ricetta naturale per perdere 5 kg in un mese:

Prendete un contenitore, versateci all’interno 2 litri d’acqua naturale, mettete un pezzo di radice fresca di zenzero di circa 6 cm tagliandola a pezzetti (in questo modo rilascerà immediatamente le sostanze di cui è ricca).

Lasciate lo zenzero a bagno tutta la notte, la mattina levate i pezzetti di zenzero e aggiungete mezzo limone spremuto.

Mettete questa bevanda in una bottiglia e bevetela durante la giornata come se fosse normale acqua. Se andate a lavoro preparate delle bottiglie da mezzo litro da portare in giro.

Abbinate a questa bevanda una dieta sana e bilanciata, senza eccedere con grassi nocivi, zuccheri raffinati e cibo spazzatura. Se vi dedicate anche un po’ allo sport, una corsa o una semplice camminata giornaliera vanno più che bene.

Un’altra cosa molto importante è ricordarsi di bere un bicchiere di questa acqua prima di ogni pasto, quindi la mattina a digiuno, prima dello spuntino mattutino, prima del pranzo, prima della merenda e prima della cena.

Questa bibita infatti è in grado di favorire il senso di sazietà e vi aiuterà a mangiare di meno.

Lo zenzero infatti favorisce la disintossicazione, consente una maggiore perdita di liquidi in eccesso (contrastando quindi la cellulite), sgonfia e accelera il metabolismo bruciando i grassi accumulati nel tempo.

Che ne dite allora? Proviamo?

Dieta dell’acqua: 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana

fonte

 

Dieta last minute: meno 10 kg in un mese

L’estate è alle porte e dovete ancora perdere molto peso?

Oggi vogliamo proporvi una dieta last minute che ci aiuterà a perdere circa 10 kg in un mese, ovviamente questa dieta è stata studiata per chi è in sovrappeso, non certo per chi deve perdere 1 o 2 kg.

In quel caso basterà semplicemente seguire un’alimentazione sana e un po’ di sport.

Per chi invece deve perdere parecchi kg consigliamo di modificare la propria dieta, noterete i risultati fin dall’inizio.

dieta last minute

5 regole fondamentali per la dieta last minute

Queste sono regole che vanno rispettate sempre:

  • Non saltare mai i pasti, questo provoca un rallentamento del metabolismo, in questo modo faticherete a perdere peso. Evitate inoltre integratori o snack dimagranti al posto dei pasti.
  • Varia sempre gli alimenti.
  • Pensa sempre positivo, non abbatterti mai, perdere peso non è un gioco da ragazzi, ci vuole pazienza e costanza per riuscirci e una volta raggiunto il proprio obiettivo la soddisfazione sarà tanta.
  • Controlla sempre gli attacchi di fame nervosa, tieni a portata di mano una carota, un finocchio o un cetriolo.
  • Vietate le fritture, fast food, bevande gassate e zuccherate.

Una volta che hai bene in mente queste regole possiamo iniziare la dieta, ricordati che puoi seguirla per un mese ma puoi ripeterla più volte e prendere spunto visto che si tratta di una dieta sana e bilanciata.

 

La dieta last minute: meno 10 kg in un mese

COLAZIONE (a scelta tra): 

  • caffè, tè o tè verde con miele con 3 biscotti integrali
  • 200 ml di latte scremato con 2 fette biscottate integrali o 2 biscotti integrali
  • 125 ml di yogurt magro con 2 cucchiai di cereali integrali
  • 150 ml di spremuta di arancia con 2 fette biscottate integrali
  • un frutto di stagione con due biscotti integrali

SPUNTINO E MERENDA (a scelta tra): 

  • 125 ml di yogurt magro
  • un frutto di stagione
  • 2 biscotti integrali

PRANZO (giorni dispari, a scelta tra): 

  • Pasta o riso (70 g) con pomodoro e basilico e un cucchiaino di parmigiano, 100 g di petto di pollo, insalata mista.
  • Pasta o riso (70 g) con zucchine, 80 g di bresaola, contorno di verdure alla griglia.

PRANZO (giorni pari, a scelta tra): 

  • 100 g di legumi (fagioli, lenticchie, piselli, ceci) più abbondante contorno (insalata, verdura alla griglia o al vapore).
  • Un minestrone di verdure più 40 g di pane integrale.

CENA (giorni dispari, a scelta tra): 

  • 150 g di salmone al vapore, insalata mista, 30 g di pane integrale.
  • 200 g di pollo o tacchino alla piastra, spinaci bolliti  e conditi con olio e limone

CENA (giorni pari, a scelta tra): 

  • un uovo sodo o alla coque (non fritto), insalata mista, 30 g di pane integrale
  • 100 g di mozzarella o ricotta di mucca più verdura alla griglia o al vapore e 30 g di pane integrale.

CENA (del sabato o domenica): 

  • una pizza margherita, un arancino di riso

Scegliete un solo giorno, o il sabato o la domenica e un solo pasto in cui potrete mangiare una pizza margherita e un arancino di riso.

Cercate di seguire alla lettera la dieta, solo in questo modo riuscirete a perdere veramente peso.

 

Dieta dell’acqua: 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana

FONTE

 

Dieta dell’acqua: 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana

La dieta dell’acqua è un regime alimentare sano e dietetico che si basa sull’assunzione di acqua in determinati momenti della giornata.

Studiare una dieta che tenga in considerazione l’assunzione calibrata dei liquidi fa benissimo al corpo ma aiuta anche a smaltire i kg di troppo.

dieta dell'acqua

Ecco allora 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana:

  • Per dimagrire è importante bere almeno 10 bicchieri di acqua al giorno, ricordatevi di farlo sempre prima dei pasti in questo modo aumenterete il senso di sazietà e sentirete meno la fame.
  • Bere acqua prima di fare colazione: bere acqua a stomaco vuoto aiuta a depurare l’organismo e a perdere peso. Sarà importante bere almeno 2 bicchieri di acqua tiepida appena svegli.
  • Bevete acqua frizzante: avete fame e non sapete cosa fare? Bevete acqua frizzante, vi aiuterà a saziarvi e a farvi passare la sensazione di fame.
  • Consuma frutta e verdura: l’idratazione non arriva sollo dall’acqua ma anche da frutta e verdura, ottima fonte di vitamine e antiossidanti.
  • Evita le fritture: evitate i cibi fritti e preferite cotture al forno, bollite o al vapore, la frittura infatti oltre che ad aumentare la ritenzione idrica fa anche ingrassare.
  • Limita il sale: bere acqua fa dimagrire ma bisogna limitare l’assunzione del sale, una delle principali cause di cellulite e adiposità localizzate. Preferite spezie ed erbe aromatiche.
  • Caffè: nella dieta dell’acqua è consentito bere solo 2 caffè al giorno, uno a colazione e l’altro entro le 14:00  e non oltre. A metà pomeriggio preferite un tè o una tisana depurativa.
  • Pasta e pane: la pasta e il pane non fanno ingrassare, a meno che ovviamente non ne mangiate troppa. Il nostro consiglio è di modificare il condimento, evitate condimenti troppo ricchi ed elaborati e preferite piatti sani, come ad esempio un sugo pomodoro e basilico oppure il pesto.
  • Poca carne rossa: nella dieta dell’acqua bisogna limitare l’assunzione della carne rossa, potete mangiarla massimo 1-2 volte a settimana.

 

Dieta dell’acqua

 

LUNEDI

Colazione: uno yogurt magro con un frutto di stagione.
Pranzo: 70 grammi di pasta integrale con 50 grammi di ricotta di mucca, songino con pomodori, carote e radicchio.
Spuntino: due fette di melone.
Cena: 150 grammi di petto di pollo alla griglia, zucchine al vapore, 50 g di pane integrale.

 

MARTEDI 

Colazione: spremuta e cereali integrali
Pranzo: 80 grammi di risotto con verdure e un’insalata mista a piacere
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista con lattuga, carote, cetrioli e 80 grammi di tonno, 50 grammi di pane integrale

 

MERCOLEDI

Colazione: 150 ml di latte parzialmente scremato o latte vegetale con fiocchi di cereali
Pranzo: 250 grammi di salmone al vapore, 50 grammi di pane integrale, insalata
Spuntino: una tazza di tè verde, due gallette integrali con due cucchiaini di miele, un frutto
Cena: 70 grammi di penne integrali con gamberi e zucchine, carote al vapore

 

GIOVEDI

Colazione: uno yogurt magro, un frutto a scelta.
Pranzo: un’orata al cartoccio un’insalata mista di lattuga, carote, sedano
Spuntino: uno yogurt magro e una fetta di anguria
Cena: passato di verdure con 60 grammi di pane integrale tostato, 40 grammi di crescenza

 

VENERDI

Colazione: tè verde con due fette biscottate integrali e un cucchiaino di miele, una spremuta di arancia
Pranzo: 80 grammi di pasta al pesto con fagiolini al vapore
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista a piacere con un uovo sodo e due fette di pane integrale tostato

 

SABATO 

Colazione: una tazza di tè, un frutto a piacere
Pranzo: 80 grammi di riso integrale con zucchine, broccoli al vapore
Spuntino: uno yogurt magro e un frutto a piacere
Cena: 100 g di bresaola, 1 patata al vapore, insalata mista.

 

DOMENICA

Colazione: uno yogurt magro, una tazza di tè verde, un frutto a piacere
Pranzo: 80 grammi di orecchiette con cime di rapa e 50 grammi di crescenza.
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista con carote, sedano e radicchio, mais, un uovo sodo, due fette di pane integrale.

Perché bere l’infuso allo zenzero, e come prepararlo correttamente

fonte

Dieta dell’acqua: 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana

La dieta dell’acqua è un regime alimentare sano e dietetico che si basa sull’assunzione di acqua in determinati momenti della giornata.

Studiare una dieta che tenga in considerazione l’assunzione calibrata dei liquidi fa benissimo al corpo ma aiuta anche a smaltire i kg di troppo.

dieta dell'acqua

Ecco allora 10 consigli per perdere 4 kg in una settimana:

  • Per dimagrire è importante bere almeno 10 bicchieri di acqua al giorno, ricordatevi di farlo sempre prima dei pasti in questo modo aumenterete il senso di sazietà e sentirete meno la fame.
  • Bere acqua prima di fare colazione: bere acqua a stomaco vuoto aiuta a depurare l’organismo e a perdere peso. Sarà importante bere almeno 2 bicchieri di acqua tiepida appena svegli.
  • Bevete acqua frizzante: avete fame e non sapete cosa fare? Bevete acqua frizzante, vi aiuterà a saziarvi e a farvi passare la sensazione di fame.
  • Consuma frutta e verdura: l’idratazione non arriva sollo dall’acqua ma anche da frutta e verdura, ottima fonte di vitamine e antiossidanti.
  • Evita le fritture: evitate i cibi fritti e preferite cotture al forno, bollite o al vapore, la frittura infatti oltre che ad aumentare la ritenzione idrica fa anche ingrassare.
  • Limita il sale: bere acqua fa dimagrire ma bisogna limitare l’assunzione del sale, una delle principali cause di cellulite e adiposità localizzate. Preferite spezie ed erbe aromatiche.
  • Caffè: nella dieta dell’acqua è consentito bere solo 2 caffè al giorno, uno a colazione e l’altro entro le 14:00  e non oltre. A metà pomeriggio preferite un tè o una tisana depurativa.
  • Pasta e pane: la pasta e il pane non fanno ingrassare, a meno che ovviamente non ne mangiate troppa. Il nostro consiglio è di modificare il condimento, evitate condimenti troppo ricchi ed elaborati e preferite piatti sani, come ad esempio un sugo pomodoro e basilico oppure il pesto.
  • Poca carne rossa: nella dieta dell’acqua bisogna limitare l’assunzione della carne rossa, potete mangiarla massimo 1-2 volte a settimana.

 

Dieta dell’acqua

 

LUNEDI

Colazione: uno yogurt magro con un frutto di stagione.
Pranzo: 70 grammi di pasta integrale con 50 grammi di ricotta di mucca, songino con pomodori, carote e radicchio.
Spuntino: due fette di melone.
Cena: 150 grammi di petto di pollo alla griglia, zucchine al vapore, 50 g di pane integrale.

 

MARTEDI 

Colazione: spremuta e cereali integrali
Pranzo: 80 grammi di risotto con verdure e un’insalata mista a piacere
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista con lattuga, carote, cetrioli e 80 grammi di tonno, 50 grammi di pane integrale

 

MERCOLEDI

Colazione: 150 ml di latte parzialmente scremato o latte vegetale con fiocchi di cereali
Pranzo: 250 grammi di salmone al vapore, 50 grammi di pane integrale, insalata
Spuntino: una tazza di tè verde, due gallette integrali con due cucchiaini di miele, un frutto
Cena: 70 grammi di penne integrali con gamberi e zucchine, carote al vapore

 

GIOVEDI

Colazione: uno yogurt magro, un frutto a scelta.
Pranzo: un’orata al cartoccio un’insalata mista di lattuga, carote, sedano
Spuntino: uno yogurt magro e una fetta di anguria
Cena: passato di verdure con 60 grammi di pane integrale tostato, 40 grammi di crescenza

 

VENERDI

Colazione: tè verde con due fette biscottate integrali e un cucchiaino di miele, una spremuta di arancia
Pranzo: 80 grammi di pasta al pesto con fagiolini al vapore
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista a piacere con un uovo sodo e due fette di pane integrale tostato

 

SABATO 

Colazione: una tazza di tè, un frutto a piacere
Pranzo: 80 grammi di riso integrale con zucchine, broccoli al vapore
Spuntino: uno yogurt magro e un frutto a piacere
Cena: 100 g di bresaola, 1 patata al vapore, insalata mista.

 

DOMENICA

Colazione: uno yogurt magro, una tazza di tè verde, un frutto a piacere
Pranzo: 80 grammi di orecchiette con cime di rapa e 50 grammi di crescenza.
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista con carote, sedano e radicchio, mais, un uovo sodo, due fette di pane integrale.

Perché bere l’infuso allo zenzero, e come prepararlo correttamente

fonte

Matrimoni, moda digital: social manager, hashtag, droni. Le 7 tendenze

Tendenze matrimonio 2016? Eccone 7 per il 2016, tra cui la moda “digital”: social manager, hashtag, droni. Ed ecco anche costi e consigli antri-stress

matrimoni spiaggia fiumicino

Il matrimonio è uno dei desideri più “cari” in tutti i sensi. Può arrivare a costare fino a 60.000 euro*, con differenze di città in città. ProntoPro.it, portale che mette in contatto domanda e offerta di lavoro professionale e artigianale, e Uala.it, sito italiano dedicato al mondo beauty che raccoglie i migliori saloni di hairstyling, centri di bellezza ed estetica, hanno condotto un’indagine per raccontare quali sono le ultime tendenze in fatto di matrimonio e quanto possa costare seguire la moda nelle maggiori città italiane: Roma, Milano, Torino, Firenze, Bologna, Bari, Napoli, Palermo, Cagliari e Genova.
1. Il matrimonio bohémien – In fatto di organizzazione i wedding planner non hanno dubbi: il 2016 è l’anno dei matrimoni boho-chic. Ci troviamo di fronte all’evoluzione del matrimonio country; celebrato interamente all’aperto – dal rito alla festa – è l’ideale per le coppie giovani che desiderano festeggiare con un tocco di informalità, senza però rinunciare al romanticismo. Le cose che non possono mancare in una cerimonia di questo tipo sono i colori tenui tipici del country e i dettagli fatti a mano con materiali riciclati. Ma quanto costa organizzare un matrimonio in linea con il trend dell’anno? Secondo l’Osservatorio di ProntoPro.it, il prezzo medio richiesto da un wedding planner per organizzare un evento boho-chic in Italia è di 710 euro con picchi a Roma e Milano dove si spendono più di 850 euro.

2. Tattoo.. da sposa – La prima domanda a cui deve rispondere ogni sposa è “come sarà il tuo vestito?” Per le spose del 2016 la risposta è semplice: il pizzo è il protagonista indiscusso dei corpetti, ma la vera novità è l’effetto tattoo che prevede ricami su tessuti trasparenti per dare l’illusione che questi si diramino sulla pelle della sposa, come un tatuaggio. E se si vuole sapere quanto si spenderà per un abito sartoriale di questo tipo, le spose italiane avranno una bella sorpresa; devono mettere a budget mediamente solo 3.900€. La città italiana in cui costa meno realizzare un abito su misura è Palermo, in cui si spendono, in media, poco più di 2.500€.

3. “Sì” ai make up appariscenti – La sposa di quest’anno vuole apparire forte e sicura di sé quindi è permesso osare con smokey eyes sui toni del tortora, del marrone chiaro e dell’oro, eyeliner per definire lo sguardo e rossetti rosa e corallo per le labbra. Secondo l’Osservatorio di Uala.it, per il trucco sposa in Italia si spendono mediamente 180€ e la città in cui si devono sostenere i costi maggiori è Bologna con un costo medio pari a 280€, a seguire Napoli (250€) e Roma (220€).

4. Il matrimonio social – Se volete seguire davvero la moda dell’anno affidatevi ai droni. Non potrete fare a meno di fotografie aeree e videoclip del vostro matrimonio da condividere sui social nei giorni successivi all’evento. L’idea vincente per i matrimoni del 2016 è la creazione di un hashtag per permettere ad amici e parenti di condividere foto e video della vostra giornata. E c’è anche chi si dota proprio di un social media manager, incaricato di documentare l’evento sul web dal prima al dopo. I costi? Per un servizio fotografico – incluso l’album per gli sposi e quello per i genitori di entrambi – si spendono in media 785€. Al Nord si spende di più considerando che – escluse le città di Roma e Milano dove il servizio è più caro in assoluto – a Genova i costi medi si aggirano intorno agli 830€ e a Torino agli 815€ .

5. Back to the seventies – Guardato il vestito, quello che si nota di più è l’acconciatura della sposa. In linea con la tendenza dei matrimoni boho-chic, i capelli si ispirano agli anni ’70 e si punta su una chioma il più possibile sciolta e naturale, ma ricercata. Via libera al flower power romantico ed elegante e ai raccolti giocati sul must di stagione, la treccia, in tutte le sue declinazioni. Le acconciature possono costare fino a 350€, come avviene a Napoli, mentre Torino è la città in cui la pettinatura della sposa costa meno: “solo” 100 euro.

6. Intrattenimento circense – Il matrimonio 2016 è caratterizzato dalla voglia di stupire gli ospiti con numeri di giocoleria ed equilibrismo, portando un pizzico di allegria e un po’ di arte circense nel giorno più speciale. Via libera quindi a sputafuoco, nani, trampolieri, equilibristi, acrobati, clown e statue viventi. Insieme riescono a creare una cornice suggestiva, magica ed originale per rendere indimenticabile qualsiasi cerimonia. Per essere originali e spendere meno, bisogna andare a Palermo, Cagliari o Napoli qui il circo matrimoniale costa, rispettivamente, 165 euro, 185 euro e 205 euro.

7. E alla fine… tutti a ballare – E come concludere l’evento se non con un DJ che faccia ballare tutti fino a notte fonda? Anche per il 2016 si conferma la tendenza di assumere un professionista che faccia divertire gli ospiti e li coinvolga in una festa musicale! Il suggerimento in più: abbinate alla musica un impianto luci e anche gli ospiti più timidi saranno pronti a scatenarsi. Gli sposi ballerini che dovranno spendere di più sono quelli di Bari e Firenze; dovranno mettere a budget in media 425 euro. Quanto costa, in tutto, seguire i 7 wedding trends del 2016? Fra le 10 città campione, quella in cui creare una cerimonia di tendenza costa di più è Roma, qui concedersi tutti e 7 i must del matrimonio dell’anno costa 7.855 euro, seguita da Milano in cui si spendono 7.560 euro e Genova in cui essere alla moda costa 6.935 euro.

Ecco una tabella con i costi in euro da sostenere per seguire i wedding trends nelle 10 città italiane prese a campione:

matrimonio tabella

 

 

 

CONSIGLI CONTRO LO STRESS DA MATRIMONIO

Infine, per non farsi sopraffare dallo stress che nelle settimane precedenti assale gli sposi, Adele Casella, farmacista esperta in omeopatia, fitoterapia e nutrizione a Segrate, suggerisce di fare ricorso ai medicinali omeopatici: “Offrono una risposta rapida ed efficace nel trattamento dei disturbi che possono presentarsi in un periodo di impegno fisico e mentale, sono ben tollerati da tutti, indipendentemente da sesso ed età, e non presentano generalmente effetti collaterali grazie alle loro elevate diluizioni”.

1) Stress da matrimonio
“Nel caso in cui i preparativi creino un po’ di ansia e stress, consiglio di assumere Datif PC, medicinale omeopatico efficace per il trattamento degli stati ansiosi ed emotivi con sintomi psico-somatici quali irritabilità, nervosismo, disturbi del sonno correlati, cefalea muscolo tensiva, bruciore gastrico e stanchezza. Si tratta di un complesso che contiene 6 medicinali omeopatici tradizionalmente utilizzati per curare questi problemi e che permette di ritrovare la calma in momenti di forte stress psicofisico. Suggerisco alle miei clienti di assumerne 2 compresse da sciogliere in bocca, 3 volte al giorno”, conclude la dott.ssa Casella.

2) E chi dorme più?
Non c’è niente di più comune della difficoltà a prender sonno in un periodo di stress. Questo disturbo non va sottovalutato perché può causare irritabilità, calo dell’attenzione e stanchezza cronica. Una buona qualità del sonno è indispensabile per arrivare perfettamente riposate al giorno del proprio matrimonio e goderselo appieno. Anche in questo caso i medicinali omeopatici possono essere d’aiuto. “Se la futura sposa non prende sonno perché non riesce a smettere di pensare ai preparativi o ai particolari della cerimonia, consiglio Gelsemium 15 CH e Argentum nitricum 15 CH. A chi soffre invece di improvvisi risvegli alle tre di notte, consiglio Nux vomica 15 CH. Di tutti e tre i medicinali, consiglio di assumere 5 granuli prima di coricarsi, somministrazione da ripetere durante la notte se necessario. Se invece l’insonnia è legata a eccessiva stanchezza mentale suggerisco Kalium phosphoricum 15 CH, 5 granuli la sera prima di coricarsi”, afferma la dott.ssa Casella.

3) Se spunta l’herpes prima del fatidico “sì”
Immancabile durante i periodi di stress e affaticamento, l’herpes ricompare con facilità nei soggetti predisposti. “Alle future spose che dovessero soffrire di questo disturbo, non appena sentono il pizzicorio tipico che precede l’eruzione sul labbro, indico Rhus toxicodendron 15 CH, di cui ne vanno assunti 5 granuli 3 volte al giorno insieme ad Apis mellifica 15 CH, 5 granuli ogni ora”, suggerisce la dott.ssa.

4) Occhi arrossati durante la cerimonia
Quale futura sposa può essere certa che non verserà nemmeno una lacrima durante la cerimonia più emozionante della sua vita? “Se le lacrime, oppure una giornata particolarmente assolata o per contro fredda e ventosa dovessero irritare l’occhio”, spiega la dott.ssa Casella, “suggerisco di tenere nel proprio necessaire, insieme agli immancabili fazzolettini di carta, Euphralia, un collirio omeopatico composto da due sostanze attive tradizionalmente utilizzate dalla farmacologia omeopatica nel trattamento dei più frequenti disturbi dell’occhio: Euphrasia officinalis 3 DH e Chamomilla vulgaris 3 DH. Euphralia agisce sui sintomi infiammatori dell’occhio: arrossamento, bruciore, lacrimazione, sensazione di sabbia nell’occhio e fotofobia, riducendo la sintomatologia. La sposa che dovesse rendersi conto di aver gli occhi arrossati potrà dunque instillare 1-2 gocce del collirio fino a 6 volte durante l’arco della giornata. Ricordo che Euphralia può essere utilizzato anche dalle portatrici di lenti a contatto, particolare molto comodo durante il giorno del matrimonio”. Così anche le foto ricordo saranno perfette!

5) Tacchi vertiginosi senza gambe e piedi gonfi 
È vero che il giorno del matrimonio gli sposi hanno un’energia inspiegabile, ma è pur vero che le scarpe nuove (probabilmente tacchi) della sposa possono rendere i saluti da un tavolo all’altro un vero calvario. “A chi sa di soffrire di pesantezza agli arti inferiori consiglio di prepararsi al giorno della cerimonia assumendo fin da un paio di mesi prima del giorno fatidico Vipera redi 15 CH, 5 granuli 3 volte al giorno, che aiuta in caso di gonfiore alle estremità”, spiega la dott.ssa Casella e conclude: “suggerisco inoltre di tenere in borsetta un gel a base di Arnica montana, da applicare localmente nel caso, a fine giornata, si sentissero le gambe e i piedi appesantiti”. In questo modo niente potrà esimervi dall’ultimo ballo!

Nuovo studio: lo zenzero uccide le cellule tumorali

fonte

Vi tradisce? Guardate la sua scrittura: svela i segreti della coppia

I consigli della grafologa Candida Livatino sulla compatibilità di coppia: “Dalla scrittura emergono sentimenti e sessualità del partner”

tizi che scrivono ape

Di Maria Carla Rota
@MariaCarlaRota

La prossima volta che avete un impegno galante fate così. Prendete un tovagliolo di carta, fate scrivere qualcosa al partner di turno, andate alla toilette e osservate bene la scrittura. Lo stesso “esame” fatelo al vostro promesso sposo (o sposa). Manuale che dovete avere alla mano, l’ultimo libro della grafologa Candida Livatino: “Scrivere con il cuore. Verifica la compatibilità di coppia attraverso la grafia” (Ed. Sperling & Kupfer).

Candida Livatino, questo è il suo terzo libro: come mai un volume di grafologia specifico sull’amore? Non sappiamo più interpretare i sentimenti?

“E’ quasi un’esortazione a riappropiarci dei sentimenti e dei valori in modo costruttivo. Faccio spesso consulenza anche nei tribunali e capitano molti delitti passionali in cui le donne vengono uccise per rapporti finiti male. Abbiamo tutti voglia di essere amati e coccolati, ma spesso non riusciamo a capire tutto quello che il nostro compagno ci dice. Capita quando l’innamoramento nasconde i difetti, ma anche dopo trent’anni di matrimonio. La scrittura, allora, può svelarci aspetti importanti del partner. Basta un post-it attaccato sul frigorifero o una lista della spesa lasciata sul tavolo, anche se l’ideale sarebbe un foglio di dimensioni A4, perchè è importante anche capire in che modo lo scritto occupa lo spazio bianco. La mano traccia il gesto, ma l’anima esprime la forma, come diceva il fondatore della grafologia, padre Girolamo Moretti”.

candida livatinoCandida Livatino

Un esempio di coppia vip analizzata attraverso la scrittura?

“Kate Middleton e suo marito William sono un esempio molto chiaro. Lei ha una scrittura rigida e pulita, che denota una personalità tosta. E’ chiaramente lei la parte forte della coppia. Lui ha una scrittura di piccolo calibro, quindi un animo sensibile con qualche fragilità”.

Proprio in questi giorni lei ha studiato la persoanlità di Bossetti, di cui di recente sono state pubblicate alcune lettere private scritte a mano a una detenuta.

“Lui non usa né il corsivo né lo stampatello, ma lo script (una forma mista, uno stampatello minuscolo, ndr). E’ un modo per mascherare la propria personalità. Lo stesso discorso vale per i tanti adolescenti che oggi preferiscono scrivere in stampatello, perché è spersonalizzato. Poi nella scrittura di Bossetti ci sono i tremolii e le incertezze anche dovute al fatto che sta in carcere, ovviamente. Non solo. La sua “T” fatta a croce mostra una persona testarda, combattiva. La “G” è particolare: ha l’asola inferiore gonfia e un po’ ad arco, segno di una persona con una forte carica sessuale, che però non viene espressa in modo maturo e completo. Questo non significa che sia un assassino né che tutti quelli che scrivono la lettera G in questo modo sfoghino in modo violento le proprie pulsioni. Queste possono essere incanalate nell’arte o nella letteratura, per esempio. Lo noto dalla firma di molti pittori”.


Oggi si scrive sempre meno e spesso chi lo fa sceglie appunto lo stampatello. La nostra grafia va peggiorando, perché non siamo più abituati a usare la penna. La grafologia riesce lo stesso a interpretare la personalità?

“E’ più difficile sicuramente, ma ci sono tanti segni che vanno valutati e che possono venire in soccorso anche di fronte a uno scritto in stampatello. Mi capita quando devo analizzare lettere anonime. In quel caso guardo l’ampiezza dei margini, la direzione della scrittura e la pressione che viene esercitata sul foglio. Se il tratto è calcato, vuol dire che ci sono grinta e determinazione. se è leggero, potrebbero esserci fragilità e mancanza di forza vitale per reagire agli eventi”.

Anche solo la firma di una persona può bastare?

“Quella la facciamo tutti, amanti dello smartphone o meno. La firma rappresenta il nostro io sociale, il testo invece rappresenta il nostro io privato. Se lo stile corrisponde, vuol dire che la persona si comporta allo stesso modo in pubblico e in privato”.

Dalla scrittura si può capire se il partner è traditore o fedele, se cerca avventure o una relazione duratura. Quali sono gli indizi?

“Ovviamente bisognerebbe fare un’analisi molto completa, altrimenti rischiamo di mandare all’aria delle relazioni per una sola lettera. Premesso questo, un campanello d’allarme possono essere le lettere cirolari, che non vengono chiuse: la a, la o e la g, per intenderci. Se rimangono aperte verso l’alto, quasi in una sorta di abbraccio che non si chiude, indicano un vuoto affettivo, che potrebbe essere compensato con la ricerca di più relazioni”.

Un appello da “dura e pura” della scrittura?

“Non lasciamo morire la scrittura. Non facciamo l’errore della Finlandia, dove danno l’ipad già in prima elementare. E soprattutto amiamo la nostra calligrafia, anche quando ci sembra brutta, come spesso accade. In realtà è più sponteanea, più ricca, più viva. A me piacciono molto queste grafie così irregolari. Non hanno nulla a che vedere con gli esercizi di bella scrittura che venivano fatti fare in passato, quelli sì che uccidevano creatività e personalità. Io scrivo a mano anche i miei libri, è tutto un altro effetto, solo così ci metto l’anima”.

Come si è avvicinata alla grafologia?

“E’ stato merito di mio figlio, che aveva una scrittura indecifrabile, sembrava arabo. Un professore delle scuole medie mi consigliò di portarlo da un grafologo. La mano del bambino rincorre la velocità del pensiero, mi disse. Oggi mio figlio scrive in arabo come in italiano. E io mi sono innamorata della grafologia, rimettendomi sui banchi di scuola nonostante avessi già un lavoro in azienda”.

Bevanda naturale per smaltire il grasso della pancia

fonte

Stress, stanchezza e calo di libido: le piante “miracolose” per stare

Sono quasi miracolose: ecco le piante utili per aiutare a gestire lo stress, il super-lavoro o la fatica ogni giorno. E aumentano anche la libido. I consigli

echinacea ape

Si chiamano piante “adattogene”, nome con cui viene indicata qualsiasi sostanza, farmaco o rimedio erboristico in grado di aumentare in maniera aspecifica la resistenza dell’organismo a stress di varia natura, sia fisica che psichica. Non agiscono quindi su un singolo organo del corpo umano, ma contribuiscono al benessere di corpo e mente nel loro insieme. Grazie ai loro ingredienti attivi, consentono al corpo giorno per giorno di adattarsi e gestire una situazione di stress o affaticamento. Aumentano anche la resistenza dell’organismo alle infezioni rafforzando il sistema immunitario e aiutano le persone a sentirsi più toniche in momenti dell’anno in cui ci si sente magari deboli e affaticati.

Si possono usare in occasioni particolari, per gestire situazioni di emergenza, oppure assumere in maniera più regoalre per aiutare cambiamenti di lungo periodo come il cambio di stagione. Si possono trovare in erboristeria o in farmacia e possono essere assunte sotto forma di capsule, polvere, estratto alcolico, decotto della radice o tisane.

Assumere prodotti fitoterapici però non è comunque un’azione banale. Le donne in gravidanza e in allattamento così come i bambini sotto i 12 anni non possono farlo. Inoltre queste sostanze possono anche alterare l’azione di alcuni farmaci. Così, le persone con ipertensione, diabete, malattie autoimmuni, o in trattamento anticoagulante devono astenersi. Sempre meglio chiedere il parere del proprio medico e farmacista.

Le 4 migliori piante da utilizzare per stare bene

Ginseng – Al primo posto un prodotto che ormai è entrato nella vita di molti e che viene prescritto contro debolezza fisica, stanchezza, mancanza di energia, perdita del desiderio, mancanza di memoria. Può anche essere associato a pappa reale o acerola ricco di vitamina C (una pianta che cresce spontanea in America centrale e meridionale, soprattutto in Brasile e in Porto Rico). Attenzione, meglio non assumerlo la sera perché potrebbe disturbare il sonno.

Rhodiola – Agisce principalmente sul sistema nervoso ed è quindi l’ideale per i casi di stanchezza mentale, ma anche per aumentare la libido. Interessante l’assunzione insieme alla maca (o ginseng peruviano) o al guaranà, ricco di caffeina, per i casi di maggiore affaticamento. Ha anche proprietà dimagranti. Inoltre la rhodiola è in grado di aumentare del 30% circa i livelli di serotonina nel sistema nervoso centrale, ormone in grado di togliere il desiderio ossessivo di carboidrati e svolgere azione sedativa-antiansia, riducendo notevolmente la fame ansiosa.

Eleuterococco – Conosciuto anche come ginseng siberiano, rafforza le difese immunitarie ed ha azione rinvigorente e fortificante, per cui è particolarmente indicato per persone debilitate o convalescenti.

Echinacea – Ppresenta proprietà antivirali ed immunostimolanti. Stimola e potenzia il sistema immunitario, soprattutto contro le malattie da raffreddamento. Si può assumere quindi per prevenire l’influenza. Per uso esterno, l’echinacea esibisce proprietà dermopurificanti, antirughe ed antismagliature, tonificanti sul microcircolo e sulla circolazione venosa.

Maca delle Ande – Oltre alle proprietà energizzanti e antistress, ha proprietà afrodisiache ed è conosciuta, infatti, come viagra peruviano. favorisce anche la fertilità. È indicata alle donne in tutti i momenti della vita, perché riduce la sindrome pre-mestruale e regolarizza il ciclo; in gravidanza e allattamento agisce come remineralizzante e ha effetti benefici sull’utero (in ogni fase della vita). Negli uomini favorisce un incremento del volume seminale, aumentando la quantità di sperma per eiaculazione, e migliora la motilità spermatica.

Come dimagrire camminando, perdere peso è una passeggiata

fonte